ULTIMI POST PUBBLICATI

domenica 19 marzo 2017

Cactus Chronicles: in bdc dopo la paura (19/3, 2017)

Bookmark and Share


Si pedala nel giorno della Festa del Papà, che mi vede ricevere un bigliettino coccole e baci e dei cioccolatini da parte di mia figlia (quasi) sedicenne ma devo ancora iniziare a pedalare quindi non so ancora se devo festeggiare o no....ma non lo do a vedere.
Ma per capire le mie ultime parole bisogna tornare indietro a giovedì mattina. quando mi ritrovo improvvisamente con un leggerissimo versamento al ginocchio dx,  operato un anno fa.
Chiamo immediatamente l'ortopedico, il quale mi fissa appuntamento per il giorno successivo.
Penso e ripenso a cosa possa averlo scatenato, scarto la bdc/mtb del we passato e mi rimane solo lo scatto di una trentina di metri per prendere il 51 il pomeriggio precedente, scatto durante il quale avevo sentito un piccolissima fitta... ma non ci avevo fatto caso più di tanto.
E' vero però che mi aveva proibito corsa e salti per un anno....non pensavo anche un breve scatto...
Venerdì ero preoccupatissimo ma poi la visita escluderà problemi e si risolverà con una siringata che mi toglierà 10 miseri cc di liquido sinoviale che risulterà però vecchio, quindi non a seguito di traumatismi.
Il Doctor mi dice che posso fare piscina il giorno dopo se voglio e domenica posso pedalare, rimanendo in pianura per questo we.
E così sarà.
Partenza alle 0800, cielo uggioso, divisa estiva con manicotti e gambali indossati, nel caso li tolgo.
La gamba gira subito benissimo e tempo di prendere la ciclabile al Chievo e mi aggancia uno stradista che, visto il fisico allenato e la bella bici, pensavo potesse darmi qualche cambio.
Invece dal Chievo mi ciuccerà ruota fino a Rivoli, approfittando dell'andatura fissa a 30 kmh che presumo si confacesse alle sue esigenze.
Io svolto  a dx in direzione sud, evitando stavolta lo strappo verso Rivoli, direzione Croce di Gaium e a seguire Pescantina, dove riaggancio la ciclabile.
Qui mi metto a ruota di stradista di nota compagine veronese che ad un certo punto passa uno stop senza guardare e fermarsi...mentre arrivava la macchina. 
Fortunatamente la macchina frena...altrimenti l'avrei visto decollare....e non sarebbe stato un bel vedere. 
Misteri della follia umana...
Arrivo a Verona, le gambe girano bene, quindi tanto vale proseguire verso Nesente, Santa Maria in Stelle e Grezzana dove faccio dietro front per fare rientro a Verona, facendo un giro largo verso la Mattarana e rientrare poi via Montorio.
Tanto le gambe andavano da sole...

Chiudo con 83 km e 291 mt+.

Cardio con 148 bpm di media e 176 max, con la cintura che con le batterie nuove ha ripreso a funzionare regolarmente.

Uscita fatta a buon ritmo, sono particolarmente soddisfatto e credo che per qualche settimana sarà solo bdc, allungando i giri.
Keep in touch!

martedì 14 marzo 2017

3Epic 2017. BDC Percorso corto. Official 3D Tour (video)

Bookmark and Share
E' con piacere che posto il 3D Tour Ufficiale della 3Epic 2017, percorso BDC denominato "Misurina 30", da me elaborato per il Comitato Organizatore.
Il video è visibile anche nella pagina ufficiale dell'evento: http://road.3epic.it/?p=percorso
Maggiori info: www.3epic.it
Buona visione!

domenica 12 marzo 2017

Cactus Chronicles: Stargate bdc con gpm (12/3, 2017)

Bookmark and Share

Uscita bdc bella e tirata, che da Verona mi ha portato in zona lago, gpm a San Zeno di Montagna e planata di rientro per fare ritorno a Verona.
Detta così un'uscita classica ma ogni uscita ha le sue storie da raccontare, se si ha la voglia di leggerle.
Temperature molto diverse da quelle di venerdì u.s. e sarò in estiva con manicotti, gambali e smanicato indossato.
Il cielo è parzialmente nuvoloso, mi fa compagnia un fastidioso vento che però sparirà una volta lasciato Verona.
Poi spunterà il sole ma le temperature si alzeranno solo di poco.
Partenza da casa attorno alle 0815, l'idea è beccare qualche trenino alla Diga del Chievo per fare un avvicinamento più easy anche perchè sentivo le gambe un poco durette dall'uscita mtb di venerdì.
Arrivo alla Diga in orario perfetto e mi aggancio ad un gruppetto in partenza, direzione ciclabile del Biffis.
Mi metto a ruota dell'ultimo e si arriva a Bussolengo, poi loro svoltano per continuare la ciclabile mentre io prendo in solitaria la Salita del Flover per poi continuare verso Lazise.  
Tempo di arrivare alla rotonda di Lazise e passa un treno proveniente da Peschiera.
Scatto e li riaggancio e mi metterò a ruota fino a quando il gruppo si sfalda poco dopo Bardolino. 
Accelero e rimango da solo ma per poco perchè mi passa uno stradista a velocità Stargate, che riuscirò ad agganciare grazie ad un rallentamento causa traffico.
Lo stradista pedala su una Specialized S-Works nera con ruote ad alto profilo, la velocità è costantemente sopra i 45 kmh e man mano al trenino si attaccano altri stradisti.
Arriviamo in un attimo a Torri del Benaco e mentre alcuni proseguono altri svoltano, come scrivente.
Tempo di girare e mi fermo per togliermi lo smanicato.
Nel frattempo un paio avevano cominciato la salita.
Riparto e ne riprendo quasi subito uno e poi vado a caccia dell'altro.
Tempo un paio di tornanti lo aggancio e rimarremo insieme fino in cima dove ci salutiamo ma quando vede che mi fermo (volevo mettere smanicato prima della discesa) mi chiama per continuare insieme la salita fino a San Zeno di Montagna.
Accetto e saliremo insieme, presentandoci a vicenda. 
Trattasi di Nicola di Porto Mantovano (MN) che aveva parcheggiato la macchina a Peschiera dove aveva iniziato il giro.
Al gpm veloce caffè e poi giù in discesa fino ad arrivare ad Affi dove ci salutiamo e dove aggancio altro gruppo che però lascerò presto perchè si trascinavano due che parevano essere arrivati alla frutta.
Arrivo a Pescantina e poco dopo vado ad agganciare la ciclabile del Biffis per fare rientro a Verona.

Chiudo con 100 km e 771 mt+, contento che le gambe abbiano lavorato molto bene in quanto dopo una decina di km le sentivo leggere e sciolte (un po meno a fine giro...).

Bpm medio di 156

Keep in touch!

venerdì 10 marzo 2017

Cactus Chronicles: prima uscita mtb con divisa estiva (10/3, 2017)

Bookmark and Share

Uscita mtb in compagnia di Ale, a cavallo delle due dorsali della Valpantena e che - per la prima volta nell'anno in corso - mi ha visto pedalare in estiva (per Ale già mercoledì).
Caldo da primavera inoltrata (20°) e si suda subito, attaccando la strada in direzione Forte Biondella e a seguire direzione Poiano e Quinto, dove andiamo a prendere la Salita dei Porcellini sterrata nella variante più dura.
Dobbiamo usare tutti i watt di cui disponiamo.











































La videocamera in una giornata di sole come quella odierna, immortala momenti che la macchina fotografica non potrebbe.
Direzione Case Vece ma all'ex allevamento avicolo prendiamo il single in discesa che ci porta a Grezzana.
Raggiungiamo Sezano e prendiamo la salita in bitume che ci porta a Gualiva, non senza un pit stop a Mezzomonte per una mia foratura e una volta al gpm Ale si accorge di avere una puntina da disegno sul copertone anteriore che non toglierà per sicurezza.
Dalla Gualiva sarà la volta della Passaggio della Corda e quindi attacchiamo il Monte Marseghina che circumnavigheremo in parte una volta in cima, per poi dirigerci verso Casette, San Fidenzio, Piloton, Fontana delle Streghe, Novaglie, Verona.

Chiudiamo con 33 km e 900 mt+ circa.

Bpm medio di 146.


Ora prossima uscita domenica in bdc, direzione lago.
Keep in touch!

mercoledì 8 marzo 2017

3Epic 2017. BDC Percorso medio. Official 3D Tour (video)

Bookmark and Share

E' con piacere che posto il 3D Tour Ufficiale della 3Epic 2017, percorso BDC denominato "Comelico 80", da me elaborato per il Comitato Organizatore.
Il video è visibile anche nella pagina ufficiale dell'evento: http://road.3epic.it/?p=percorso
Maggiori info: www.3epic.it
Buona visione!

martedì 7 marzo 2017

3Epic 2017. BDC Percorso lungo. Official 3D Tour (video)

Bookmark and Share

E' con piacere che posto il 3D Tour Ufficiale della 3Epic 2017, percorso BDC denominato "Lavaredo 100", da me elaborato per il Comitato Organizatore.
Il video è visibile anche nella pagina ufficiale dell'evento: http://road.3epic.it/?p=percorso
Maggiori info: www.3epic.it
Buona visione!

domenica 5 marzo 2017

Cactus Chronicles: pre-compleanno in mtb (5/3, 2017)

Bookmark and Share

Uscita mtb pre-compleanno visto che domani lavoro e compio 54 anni. 
A pranzo aprirò un prosecco coi colleghi e in serata torta di famiglia
Ed oggi cosa c'entra? 
Beh, con me stesso festeggio pedalando in mtb, non vedo cosa ci sia di meglio, visto che sono in salute, che è poi la cosa più importante.
Alle 3 del mattino mi sveglio e non riuscendo a riaddormentarmi vado a vedere la tv e riesco a veder scendere la Goggia e poco dopo riesco a riaddormentarmi.
Mi sveglio più tardi del previsto e sono le 9 quando comincio a pedalare.
Cielo uggioso ma l'aria non è fredda.
Riprendo a battere il ferro sulla dorsale occidentale quindi da Borgo Santa Croce punto Forte Biondella e a seguire per sterrati e bitume arrivo a Quinto dove attacco il tratto bitumaro della Salita dei Porcellini per poi deviare su sterrato sempre in salita direzione Gaspari.

Sarà poi la volta delle Case Vece e Basalovo.

Spunta il sole e pedalo per single fino a ad agganciare il bitume che mi riporterà a Stallavena.
Bitume fino a Verona per andare a riprendere a salire per Forte Biondella e quindi le Torricelle e arrivo al Parco delle Colombare, dove da questa mattina corrono le categorie Master agli Internazionali MTB d'Italia.
Chiamo Luca e ci ritroviamo anche con Roby (G) presso il palco premiazioni, dove resto un po a ciacolare.
Luca molto soddisfatto del suo eccellente 6° posto di categoria (M6) in una gara tirata su un percorso bello e duro.
Poi uno si domanda perché quando esco con Luca non è mai una passeggiata e ritorno sempre strinato....
Complimentoni e foto ricordo tutta meritata.

Saluti e baci e faccio rientro a casa via il tratto in salita che mi riporta al gpm delle Torricelle e poi devio per sterrati che mi riporteranno al Borgo.

Chiudo con 37 km e 800 mt+ 

Cardio non pervenuto, visto che segna valori sballatissimi e quindi devo vedere se devo sostituire la cintura o mettere le batterie nuove. 
Quindi il valore di 200 bpm dell'uscita precedente era errato, cosa di cui avevo il forte dubbio visto che non supero i 200 bpm da moltissimi anni.
Keep in touch!

venerdì 3 marzo 2017

Cactus Chronicles: bdc interruptus (3/3, 2017)

Bookmark and Share

Uscita bdc che da pianificazione doveva comportare un Verona- Lago di Garda e ritorno, via la salita della Torri-Albisano ma che alla fine risulterà modificata per cause esterne.
Tempo grigio, in teoria non dovrebbe piovere, come conferma il radar Arpav.
Temperature attorno ai 14°, che mi spingono a mettere per la prima volta l'estiva con gambali e maglia tecnica a maniche lunghe e con smanicato indossato.
A parte l'immediata partenza, la scelta del vestiario  risulterà azzeccata.
Pronti via e dal quartiere di Borgo Santa Croce mi sposto verso Ponte Pietra, Ponte Catena, Diga del Chievo e vado ad agganciare la ciclabile che mi porterà a Bussolengo. 
Si prosegue per la classica Salita del Flover, Lazise e l'obiettivo seguente dovrebbe essere Garda.
Ma poco dopo Lazise mi arriva la chiamata del DS che mi impone il rientro immediato causa emergenza veterinaria della nostra vecchia gatta (18 anni), oramai sul viale del tramonto.
Ds non voleva essere da sola per quella che poteva essere l'ultima volta ma anche stavolta la gatta ha tirato fuori un suo jolly...
Bdc interruptus insomma...
Giro che impone una variazione e taglio del percorso, quindi a Cisano svolto in direzione Calmasino, ed a seguire Cavaion, Piovezzano e a Bussolengo riaggancio la ciclabile che mi riporta a Verona.

Chiudo con 60 km e 286 mt

Cardio che vede una media di 142 bpm.

Ora vediamo cosa succederà nel we.
Ci sono gli Internazionali di mtb al Parco delle Colombare ma non so se riuscirò ad esserci perchè devo incastrare alcuni impegni. 
Male che vada mi vedrò alla tv le ultime fasi della Strade Bianche dei Pro.
Domenica mattina penso che farò un giro in mtb, la pioggia prevista dovrebbero essere quattro gocce.
Keep in touch!

mercoledì 1 marzo 2017

Randonnèe Valpo Garda Vlaanderen 2017. Official 3D Tour 200 km (video)

Bookmark and Share

E' con piacere che posto il 3D Tour Ufficiale della 200 km della Randonnèe Valpo Garda Vlaanderen 2017 da me elaborato per XC Verona, Comitato Organizatore.
Buona visione!

domenica 26 febbraio 2017

Cactus Chronicles: la mtb che non t'aspetti (26/2, 2017)

Bookmark and Share

Terza uscita ciclistica in 72h.
Sulla carta la più dura, viste le tossine accumulate e visto che siamo solo a febbraio.
Alla fine risulterà quella che mi darà più soddisfazioni delle tre.
Giornata stupenda di sole e le temperature saranno più alte di qualche grado rispetto alle previsioni, con 7° alla partenza alle 0830 da Verona.
Terreno prescelto nuovamente le dorsali a nord ovest della città, quelle che batto di meno durante l'anno perché con la pioggia il fango abbonda ma in sua assenza è un territorio che rappresenta per me (ma non solo) una bella palestra per la mtb.
Monto la videocamera sul manubrio, visto che con il sole i video sono nettamente sempre più belli e posso estrapolare la foto per il blog.

Pronti via.... e sento le gambe diventare subito di marmo, come m'aspettavo. 
D'altronde l'obiettivo è fare un'uscita facendo finta di non sentire le gambe dure quindi... silenzio e pedalare.
Si sale subito, verso Forte Biondella, rimanendo parallelo alle Torricelle e quindi per sterrati e pseudo bitume arrivo a Quinto e attacco la Salita dei Porcellini.
A differenza dell'altra volta, non svolto a dx per il single super ripido ma proseguo per qualche centinaio di metri e poi svolto per lo sterrato che mi porta, sempre in salita, a riagganciarlo più in quota.

Non che la sostanza cambi di molto, mi risparmio un centinaio di metri ma quello che resta è abbastanza per far lavorare adeguatamente gambe e pompa cardiaca.

Tra pendenza è terreno sono su un simil Gosse (per chi non le conosce, probabilmente la più difficile ascesa della provincia veronese) ma con il giusto rapporto e le giuste linee si sale su abbastanza bene.
Spunto sul bitume e mi dirigo verso nord, direzione Casotti.

Su uno dei tratti di raccordo in bitume aggancio un trio di giovinastri in mtb che più che pedalare sembravano fare fatica..... a tenere a bada il testosterone.
Ad un certo punto mi riprende uno dei tre e si fa una cinquantina di metri su una ruota ridendo di gusto.

Quando si tratterà di affrontare lo sterrato che porta a Casetta una mia accelerata li staccherà e poi li rivedrò su bitume solo più avanti.
E' in quel momento che sento le gambe come nuove, fresche, leggere e da quel punto in poi cambio marcia e le sensazioni saranno sempre ottime.
Arrivato a Casotti trovo il cancello di un'abitazione chiuso e mi è impossibile agganciare il sentiero, quindi decido di tornare indietro e procedere verso Montecchio. 
In questo tratto incrocio - salutandoci a vicenda - il Papataso, in mtb insieme ad altro biker.
Il giro mi porta per single track e tratti di raccordo in bitume, a dirigermi verso ovest e quindi verso sud, verso il Monte Crocetta.
Mi appresto a godermi la discesa tecnica quando proprio alla croce aggancio un gruppo a cavallo.

Ne supero uno ma per il resto del gruppo devo accodarmi.

Vanno troppo piano e non c'è possibilità di superarli quindi dopo la prima curva mi fermo, faccio sfilare tutti e poi torno alla Croce.
Prendo il tratto fronte Croce 


per andare a prendere il sentiero



che parte dove c'è la tabella gialla

che mi permette di spuntare davanti al gruppo a cavallo e agganciare il tratto tecnico.


Spunto alla fine a Quinzano e a seguire Verona.
Ultima asperità la Salita delle Torricelle, affrontata con le gambe che andavano praticamente da sole, spingendo il 36.
In cima prendo un breve tratto in discesa e poi devio per lo sterrato che mi porterà al quartiere Biondella e quindi a Borgo Santa Croce.

Chiudo  il giro con 35 km e 1000 mt, scarsi di poco.

Cardio che restituisce 152 bpm di media e 176 max. Notare l'ora in soglia.

Molto contento di questi tre gg, sopratutto di oggi e dalla settimana prossima una delle due uscite sarà su bdc, che mi aiuta parecchio a fare fondo, utile in ottica lunghi in mtb (il 1° ad aprile) e per il primo raid mtb dell'anno (luglio), di cui ho già preparato la prima tappa.
Keep in touch!